Intervista a Vincenzo Pultrone

Vincenzo Pultrone, architetto, è titolare (co-titolare insieme a 3 fratelli ) dei negozi di arredamento Pultrone e inventore del  Caffè Letterario.

D: la globalizzazione dei mercati – che, per ora, sembra interessare soprattutto la produzione (con la delocalizzazione delle attività produttive) – come influenza, o influenzerà, la vendita diretta al pubblico degli utenti finali ?

R: Ritengo che la globalizzazione dei mercati nel settore arredo, influenzerà solo in minima parte il settore , soprattutto se la specializzazione professionale dei negozi, riuscirà a seguire le richieste del mercato: ovvero, se i negozi saranno professionalizzati, attraverso progettisti in grado di dare risposte eccellenti ai privati, mai, nessun P.C. riuscirà a sostituire la relazione che si stabilisce tra rivenditore/consumatore. Studi di settore dimostrano che  nella vendita dei mobili di arredo segmento alto, contano al 93% le relazioni e al 7% i contenuti !

Certo ciò non sarà vero per il settore medio basso, dove si fa pura vendita di oggetti, la professionalità nella progettazione ha un valore basso.

D: la diffusione planetaria di internet e dei social network sta modificando le abitudini di acquisto, ed in quali settori ?

R: Non si può nascondere il fatto che internet sta cambiando il mondo, stà influenzando le tendenze, e di conseguenza gli acquisti. Certo quando si tratta di oggetti , qualora già identificati dall’utente, sarà normale acquistare anche via internet, non credo succederà mai ciò, quando insieme all’oggetto si deve sommare il valore relazionale e professionale dell’offerta. Per tale ragione sicuramente quello dell’arredamento dovrebbe essere meno colpito.

D: quali scelte, quali strumenti e quali servizi consentono ai rivenditori del settore casa di posizionarsi al top del mercato ?

R: per STRUMENTI vorrei inserire  soprattutto la professionalità e le capacità progettuali, dello staff tecnico di un negozio di arredamento; nella parola SERVIZI vorrei inserire tutta una serie di componenti  sia di natura comportamentale che pratici, ovvero l’accoglienza, la cortesia, la capacità di ascoltare e rispettare le esigenze degli altri, nonchè il supporto di progettazione, gestione ordine, montaggio e post vendita.

Solo il rispetto di tutti questi parametri, nessuno escluso, potrà far definire  un negozio al top!

Le categorie di questo articolo: Interviste, Personaggi.